ASSOCIAZIONE  “ PROGETTO PER LA VITA

FAMIGLIARI DI PERSONE CON DISABILITA’ PER IL “DOPO DI NOI”

 

CHI SIAMO:

Genitori e fratelli che tempo fa hanno iniziato un percorso di riflessione e introspezione sui temi sociali e personali della disabilità, la discussione si è concentrata su due argomenti relativi alla nostra realtà:

·         Come e cosa fare nel momento in cui la famiglia non sarà più in grado di provvedere alle cure del famigliare disabile: il “DOPO DI NOI”.

·         Soddisfare, per la persona che lo desidera e si senta pronta, l’esigenza di autonomia dalla famiglia.

 Tematiche diverse, comunque, tra loro collegate.

Il gruppo ha intravisto l’esigenza di dare voce agli argomenti sopra citati concretizzandosi nella

ASSOCIAZIONE “PROGETTO PER LA VITA

RIFLESSIONI SUL “DOPO DI NOI” E AUTONOMIA

Il disabile, nella visione collettiva è pensato nella sua fase adolescenziale e giovanile della sua esistenza ma, come ogni persona diventa adulto e i genitori invecchiano vivendo questa fase con maggiore difficoltà nella consapevolezza che non saranno sempre in grado di accudire il famigliare disabile.

Attualmente, al di là delle cure/assistenza domiciliari che i Servizi Sociali offrono a supporto della famiglia, quando la separazione dal nucleo famigliare diventa indispensabile, l’alternativa è il ricovero verso la struttura, casa famiglia o comunità più idonea alla disabilità della persona.

Sicuramente le Strutture presenti sono adeguate a soddisfare le esigenze e le cure primarie della persona ma, per loro costituzione, non possono dare ai propri ospiti l’AUTONOMIA tempo/spazio della quotidianità che si vive in un ambiente famigliare.

AUTONOMIA: diventare indipendente dalla propria famiglia è il traguardo di ogni persona sia normodotata che no.

Affrancarsi da una condizione di dipendenza continua, dalla certezza di dover contare solo e per forza sulla propria famiglia, è un fine profondamente sentito da ogni disabile, anche perché, questa costante può sicuramente condizionarlo nelle scelte e nello stile di vita.

Sulla base di queste riflessioni matura da parte dell’associazione la necessità di dare concretezza a questo percorso, creando un’opportunità che permetta al disabile di porsi e di essere vissuto come persona che svolge legittimamente un ruolo attivo, al di là della propria condizione, e di non essere percepito come individuo da assistere e/o custodire.

 

Nasce l’idea della Fondazione “PROGETTO PER LA VITA:

Un soggetto non in contrapposizione alle Istituzioni territoriali ma, un collaboratore e un supporto idoneo a tutela dei concetti prima espressi.

La Fondazione sarà una ONLUS, cioè un organismo non lucrativo di utilità sociale.

Svolgerà la propria attività nel settore sociale e socio-sanitario, si rivolgerà a tutti i disabili di tipo fisico-cognitivo-psichico e alle famiglie del Distretto delle Terre d’Argine (comuni di Carpi Novi Soliera Campogalliano).

Perseguirà l’obiettivo di vigilare che il percorso di vita che in famiglia si è pensato e portato avanti per la crescita del famigliare disabile possa continuare, evitandone il più possibile la collocazione impropria, offrendo agli ospiti servizi sostitutivi della famiglia mediante lo sviluppo di una rete di strutture residenziali che rispondano principalmente alle esigenze della quotidianità, integrati da programmi domiciliari ed extra domiciliari, con personale qualificato in grado di individuare e capire i bisogni che nel tempo cambiano adeguando le cure e le attenzioni necessarie, siano ospiti di residenze territoriali o non territoriali.

La Fondazione potrà interagire con  la famiglia allo scopo di favorire fin dall’inizio  la sperimentazione di percorsi autonomi.

Dovrà promuovere, per il disabile  che lo desidera e si senta in grado, un percorso adeguato alle proprie capacità per aiutarlo a vivere in autonomia dalla famiglia, individuando itinerari che gli permetteranno di accedere al progetto nei tempi e nei modi a lui più congegnali; passando da un’adesione con formula giornaliera, a un periodo settimanale, fino al permanente.

Non in forma individuale ma a piccoli gruppi, favorendo l’unione di individui capaci di rendersi la vita ed il quotidiano migliori, dove l’abilità dell’uno possa essere di supporto alla difficoltà dell’altro, sfruttando le possibilità di aggregazione e socializzazione offerte dal territorio.

 

 

   LA REALIZZAZIONE DEL” PROGETTO PER LA VITA” COMPORTA:

·         Porre all’attenzione delle Istituzioni pubbliche e private dei Comuni interessati, l’importanza di ottenere un nucleo di appartamenti nel quadro di un progetto basato sulla richiesta in percentuale sul totale dei nuovi interventi programmati di edilizia residenziale,

·         Poter  contare su fondi……………………..ecc……….

·         La presenza dei Comuni in un ruolo di promozione, garanzia di trasparenza di riconoscibilità pubblica,

·         Avvalersi delle competenze e della professionalità delle Cooperative Sociali,

·         La presenza di professionisti per la realizzazione dei progetti, dei percorsi di inserimento e la valutazione ed il mantenimento del benessere psico-fisico della persona,

·         Il coinvolgimento sugli obiettivi dell’intera Comunità, poiché la solidarietà rappresenta un notevole fattore di forza, un cuneo attraverso il quale si può ipotizzare una Comunità solidale.

Ed è con queste premesse che vorremmo poter contare  sulla vostra collaborazione.

Il sostegno che vi chiediamo non si limita assolutamente al puro intervento economico, pur sempre indispensabile, ma al contributo  di quanti potranno  mettere a disposizione della Fondazione PROGETTO PER LA VITA il loro tempo, le loro capacità, le loro conoscenze. 

           

                                               Per l’associazione “PROGETTO PER LA VITA

 

 

SALTINI SERGIO        (059) 683973  GENITORE     BERNI ILVO              (059) 660478 GENITORE

 

CERCHIARI PIERINO  (059) 669113 GENITORE      ZANELLATI SILVIA   (059) 696380 GENITORE

 

CAMPAGNOLI GUIDO (059) 650711 GENITORE     SGHEDONI WANDA   (059) 687761 GENITORE

 

FACCIOLO FIORELLA (059) 683459 SORELLA       LOREDANA MORSELLI (059) 669668 PARTECI

 

GIACOMO SIRO BRIGIANO (059) 511246 PARTEC   PICCININI ANNA      (059) 643757 GENITORE

 

LUPPI PIERINO          (059) 688391 GENITORE     NERI FRANCO          

 

FIORENTINO LEONARDO